CI SIAMO ANCHE NOI

VUOI LA NEWSLETTER?

Se desideri ricevere le nostre informazioni, iscriviti alla newsletter del Coordinamento donne della sinistra - Registrati ora!

CONTATTO

Non esitare a scriverci

ANCHE PER TE
Le riunioni del Coordinamento si svolgono generalmente almeno una volta al mese al ristorante Casa del Popolo di Bellinzona. Tutte le donne interessate sono invitate a parteciparvi.

IL CORPO DELLE DONNE

PIANIFICAZIONE OSPEDALIERA

Stiamo a guardare, ma non troppo!
A chi è in mano il futuro della nostra salute?
Condividiamo la posizione del PS

SPOT CONTRO LA TRATTA

Non siamo merce!
Stop al traffico di esseri umani.

Guarda lo spot


COMUNICATI
IL NOSTRO NO il prossimo 7 marzo
IL NOSTRO NO ALLA REVISIONE DELLA RENDITA DELLA LPP
Questa non è la Svizzera delle donne di sinistra!
NO al furto degli aiuti anticrisi
CORSI, interessante le conclusioni del Consiglio del pubblico: più donne "parlanti"
L´autorità parentale congiunta non risolve i gravi problemi che affliggono i genitori che divorziano
Donne delle pulizie: quando la prepotenza viene esercitata sui deboli
Le donne per le donne: un’iniziativa di solidarietà per l’Africa
La violenza sulle donne: cambiamo rotta
Brutta figura sugli assegni familiari
Il documento PSS sulla sicurezza: diciamo anche la nostra!
Resoconto dell´assemblea e della conferenza sulla tratta
5 giugno 2008: assemblea e conferenza sulla tratta
Votazione del 1° giugno 2008: cambiare sì, ma non in peggio come viene proposto
Donne di sinistra attorno al tema della sicurezza
Il Coordinamento aderisce al Comitato contro la medicina a due velocità
<< Precedenti
>> Altre schede
Per una Svizzera aperta e solidaleBerna
1 marzo 2014

Non contestiamo il voto popolare, siamo piuttosto preoccupate per le conseguenze negative che questo voto avrà su donne e uomini, svizzeri e stranieri. 
Tornare allo statuto di stagionale è inumano, impedire il ricongiungimento familiare è oggi inammissibile, pensare che il nostro benessere sia autartico è pura illusione. Pur riconoscendo la stortura degli effetti che i bilaterali hanno avuto sul Ticino, in cui la combinazione del liberismo degli anni ´90 (che abbiamo combattuto) e la pressione sul lavoro della vicina penisola, la Svizzera non resterà a lungo "isola felice". La tradizionale capacità di accoglienza viene vieppiù sostituita da odio e razzismo verso l´altro e questo ci deve preoccupare, perché la rabbia non è mai buona consigliera.

Comunque per chi il 1 marzo era presente sulla piazza Federale, l´emozione era vedere molti molti giovani; per chi non c´era, ecco qualche foto 

[Per sfogliare usare i tasti freccia]
[Per sfogliare usare i tasti freccia]
[Per sfogliare usare i tasti freccia]
[Per sfogliare usare i tasti freccia]
[Per sfogliare usare i tasti freccia]
[Per sfogliare usare i tasti freccia]
[Per sfogliare usare i tasti freccia]
[Per sfogliare usare i tasti freccia]
[Per sfogliare usare i tasti freccia]
[Per sfogliare usare i tasti freccia]
[Per sfogliare usare i tasti freccia]
[Per sfogliare usare i tasti freccia]