“POSTO OCCUPATO”: affinché le donne vittime di violenza non perdano il posto che spetta loro di diritto nella società

“POSTO OCCUPATO”: affinché le donne vittime di violenza non perdano il posto che spetta loro di diritto nella società

Purtroppo anche la cronaca recente conferma come la guerra mai dichiarata al sesso femminile non trova fine, testimoniando una relazione tra uomini e donne

fortemente asimmetrica, segnata dal radicamento della cultura di dominio di stampo patriarcale. Il 25 novembre 2016, in  occasone della Giornata internazionale
internazionale per l’eliminazione della violenza maschile contro le donne, abbiamo lanciato la campagna contro la violenza dedicandola a tutte le donne vittime di violenza: abbiamo occupato per loro un posto al cinema, in teatro, sul bus, sul treno o su una panchina, affinché la quotidianità non lo sommerga.
Abbiamo occupato un posto in Gran Consiglio, nei Consigli comunali, e in molti altri luoghi.
È stata lanciata dal Coordinamento donne della sinistra e dal Gruppo donne USS Ticino e Moesa nella settimana dal 21 al 25 novembre 2016, ma è importante continuare la campagna POSTO OCCUPATO.
Il volantino da stampare e mettere in giro. Ideale è fotografare e postare sui social media (vedi fb del Coordinamento)

volantino POSTO_OCCUPATO

Il Comunicato stampa

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

menu
menu